La nostra marineria al 1 Gennaio 2005, emozioni e speranze agli albori del Palio di Taranto – LA STORIA #1

La nostra marineria al 1 Gennaio 2005, emozioni e speranze agli albori del Palio di Taranto

La nostra marineria al 1 Gennaio 2005, giorno in cui ho avuto le chiavi per accedere e cominciare i lavori. Grande felicità per un traguardo importante per noi del Palio.

Io e Pasquale Losito siamo stati i progettisti, un periodo durato un anno e 5 mesi. Abbiamo inaugurato ad Aprile💘.  A Maggio, esattamente il 6 Maggio 2006 Fernanda Castronovo, mia moglie e socio fondatore, ci lascia per passare a Vita Eterna.

L’8 maggio 2006 si è tenuto regolarmente il primo Palio dalla nuova sede. Emozioni, disperazione, speranze, tutto ciò mi ha reso forte, ma debole nello stesso momento, mi ha lasciato un solco profondo nel cuore.

palio 1

Nel 1986 organizzavo le pubbliche relazioni esterne della UISP che organizzava il “Vivincittà”, evento podistico a livello nazionale, lo facevo ormai da diversi anni e quindi mi occupavo anche di relazionarmi con gli sponsor e quell’anno avevo conquistato la fiducia di una grande azienda, il pastificio DIVELLA.

Un grande successo, di immagine ed economico. Ma qualcosa andò storto, l’evento fu annullato per beghe con l’organizzazione nazionale e io mi ritrovai con un contratto che dovevo rimettere nelle mani dell’Amministratore dell’azienda Divella, del Cavaliere Vincenzo Divella.

Una sconfitta, tanto è vero che dopo aver preso appuntamento a Rutigliano con il Cavaliere Divella, puntualmente mi sono recato a Rutigliano con la mia “Account” di allora, Anna D’amore che vedendomi preoccupato mi dice, ma nulla si può fare per non perdere questo grande cliente?

palio 3

Io distratto, pensieroso e rammaricato proseguivo la mia “corsa” verso Rutigliano e neanche le ho risposto, e mentre transitavo nelle campagne del Barese, ammiravo la campagna, la terra e pensavo al nostro mare… il nostro mare? Cacchio, domando alla mia collaboratrice “scusa, ma a Taranto, città di mare e di pescatori, esiste un evento marinaro” e lei mi risponde, no Dottor Simonetti, niente che io sappia.

Io rispondo, no mia cara, esiste, esiste, esiste il Palio di Taranto. In quell’attimo avevo avuto l’idea di ideare un Palio Marinaro, con le barche anziché con i cavalli e fantini, ma barche tipiche dei pescatori che utilizzavano per il loro lavoro giornaliero.

Avevo cominciato a sognare, ma purtroppo arrivato a Rutigliano, sede del pastificio, ho dovuto interrompere il mio sogno, il Cavaliere mi aspettava, e si’ mi aspettava, aveva forse intuito e vedendomi un po’ smarrito e affascinato dalla bellezza della mia collaboratrice, mi invitava a spiegare il motivo della nostra visita.

palio 2

Non andai in fondo in fondo, mi disse, era di poche parole, ma concreto, mi disse ok, voglio investire il budget per il tuo progetto, mi piace, comincia a remare e non mettere mai il motore, a remi è sicuro che arrivi, il motore si può fermare.

Mi aveva stupito, forse lo avevo stupito io, chissà. Fatto sta’ che allora comincio il viaggio, a remi come mi aveva consigliato il Cavaliere, e dal 1986 il Pastificio Divella è sponsor storico del Palio di Taranto.

Francesco Simonetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...